Ti racconterò una storia vera su zucchero e bipolare

5. Elimina la caffeina

Una buona dose di caffeina imita l’ipomania. Ti senti più vivo, più vigile, come se potessi effettivamente contribuire con qualcosa di valore al mondo. Va tutto bene e dandy tranne quando sei in bilico sul bordo ipomaniacale. La caffeina può fornire la spinta sempre più sottile dall’altra parte, soprattutto se non dormi bene, che è il momento in cui la maggior parte delle persone brama la caffeina. Stephen Cherniske, MS, definisce la caffeina “la droga numero uno d’America” ​​nel suo libro Caffeine Blues a causa del ritiro che il nostro corpo attraversa tre ore dopo aver bevuto una tazza di caffè o una Diet Coke. Le persone con bipolare sono ancora più sensibili alle sostanze simili alle anfetamine che aumentano i livelli di dopamina, quindi il modo più sicuro per prevenire l’ipomania è eliminare del tutto la sostanza.

6. Esercizio

I miei migliori allenamenti sono stati quando sono sul punto di diventare ipomaniacale o quando sono stanco. Il mio solito miglio di 10 minuti scende a un otto. Comincio a incrociare persone lungo il mio percorso, all’Accademia Navale, sentendomi come Lynda Carter nel suo look da Wonder Woman. E il mio intervallo di nuoto è coerente con le persone che hanno nuotato attraverso la baia di Chesapeake in meno di due ore. La verità è che ho evitato molti episodi ipomaniacali allenandomi finché non crollo o almeno mi stanco, il che può richiedere alcune ore. Due anni fa, l’unico modo in cui riuscivo a dormire era nuotare più di 300 giri al giorno. Ci sono persone per le quali l’esercizio fisico intenso innesca la mania, ma la maggior parte degli esperti riferisce sui benefici dell’esercizio per il disturbo bipolare.

7. Guarda i tuoi dolci

C’è un motivo per cui il gelato, il pesce svedese e i cracker animali sono cibo di conforto per la persona bipolare. L’afflusso di insulina generato da quegli alimenti calmerà per un po ‘quei percorsi cerebrali assetati di carboidrati, fino a quando un crollo della glicemia farà sì che la persona si abbuffi di nuovo di dolci. È un circolo vizioso, che può mantenere una persona bipolare in bicicletta a tempo indeterminato.

Ti racconterò una storia vera su zucchero e bipolare. Circa 16 anni fa, prima di sapere di essere allergico allo zucchero e che una dieta ricca di carboidrati fosse la cosa peggiore che potessi fare per la mia salute mentale, a volte bevevo due bottiglie di Arizona Iced Tea e mangiavo due o tre gocce di cioccolato barrette di farina d’avena per pranzo. Un giorno, davanti a casa nostra c’era un camion del latte Horizon con una grande mucca sul lato. Ho iniziato a mormorare la mucca. Il mio nuovo marito, dietro di me, era davvero spaventato da questo e mi ha detto di licenziare per un po ‘i tè ghiacciati dell’Arizona e le barrette di cereali. Da allora non ho più muggito contro un camion.

8. Stai attento con il sesso opposto

Sono tutto per buone, sane amicizie tra uomini e donne. Se non sei bipolare. Considerami un pudico, ma so quanto può essere difficile essere coerenti con i buoni confini se sei anche il più piccolo ipomaniacale. Sinceramente non intendevi che qualcosa che hai inviato in un’e-mail suonasse civettuola – stavi solo scherzando, come se fossi con le tue amiche. Tuttavia, quando si ottiene una reazione da una persona del sesso opposto, qualcosa di minimamente lusinghiero, quella comunicazione può innescare una corsa che invia un segnale a tutto il corpo che si desidera più dell’ormone del benessere che ha appena sperimentato – dopamina, essenzialmente. È ancora più rischioso se hai una storia di abuso di sostanze e bipolare, perché il tuo corpo comprometterà tutti gli accordi morali che hai firmato prima di quell’email per ottenere di nuovo quella dannata fretta. Se non stai attento, questo gioco pericoloso attiverà un episodio maniacale in piena regola. Ho avuto le migliori intenzioni con uomini di 85 anni e ancora, in qualche modo, mi sono trovato nei guai. Quindi, per il momento, mi limito alle amicizie femminili.

9. Utilizzare una lista della spesa

Uno dei comportamenti maniacali più comuni è la spesa o lo shopping incontrollabili. Pertanto, a volte è utile per le persone con disturbo bipolare fare un elenco in anticipo degli articoli che devi assolutamente acquistare, che si tratti di una lista della spesa, di una corsa in Home Depot o di una missione per ottenere un regalo di compleanno da parte di un’amica di tua figlia. In questo modo non ti ritroverai con 20 diversi tipi di campioni di vernice per la cucina e il soggiorno che hai deciso di dipingere mentre eri al negozio.

10. Attendere tempo per decomprimere

Questo è probabilmente il secondo più importante per me per prevenire la mania. Direi meditare, ma quella parola produce troppe aspettative e pressioni per me in questo momento. Decomprimere significa che dopo aver finito qualcosa come un post sul blog o dopo esserti costretto a essere social per alcune ore a una festa a cui non volevi partecipare, ti concedi dai 15 ai 30 minuti per guardare il ventilatore a soffitto in la tua camera da letto e pensa proprio a questo: al idealica quante compresse sono ventilatore da soffitto.

È stato affermato che le persone con disturbo bipolare sono creative e quindi hanno bisogno di più tempo per rilassarsi rispetto alla persona media. Il nostro cervello funziona a un ritmo più veloce e più intensamente dei nostri amici non bipolari per i periodi di tempo in cui dobbiamo apparire normali. Quindi è assolutamente imperativo concedere un po ‘di tempo in cui non è richiesto nulla – dove possiamo sbavare, o sdraiarci sull’erba, o scarabocchiare, o crollare davanti alla porta di casa. Anche se sembra che queste ore siano improduttive, questa attività ricostruirà la materia grigia del nostro cervello e ci salvaguarderà da un episodio maniacale.

Unisciti al gruppo Bipolar 2 su ProjectBeyondBlue. com, la nuova comunità sulla depressione.

Importante: le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore e non di Everyday Health.

Iscriviti alla nostra newsletter sul benessere mentale!

Le ultime novità in fatto di salute emotiva

Risorse per la salute mentale per i neri americani

In un periodo segnato da una pandemia globale e da sconvolgimenti razziali, a chi possono rivolgersi i neri americani per chiedere aiuto?

Di Melba Newsome, 30 aprile 2021

Cosa sta determinando l’impennata dei crimini anti-asiatici e come possiamo aiutare le vittime?

Le sparatorie ad Atlanta hanno evidenziato l’aumento dei crimini ispirati dall’odio contro gli asiatici americani. Cosa si sta facendo per affrontare la violenza e le ripercussioni sulla salute mentale. . .

Di Don Rauf, 25 marzo 2021

Un terapista parla: il vero spunto dall’intervista di Oprah a Meghan e Harry

L’intervista dell’anno ha rivelato problemi mentali che colpiscono molte più persone rispetto ai semplici membri della famiglia reale.  

Di Allison Young, MD, 18 marzo 2021

5 idee sbagliate comuni sulla violenza domestica

Chiamare la polizia aiuta, il trauma attira il trauma e altre verità ovvie sulla violenza domestica che non reggono i fatti.

Di Allison Young, MD, 10 febbraio 2021

Quando l’universo ci consegna l’incertezza, cuociamo

Mentre la pandemia infuria, ho iniziato a cuocere per calmare i miei nervi. Così ha gran parte del paese. Perché?

Di Alicia Raeburn, 9 febbraio 2021

Boxed In: “Cosa ci ha insegnato COVID-19 sul razzismo come crisi per la salute pubblica”

In questo episodio di Boxed In, lo psichiatra e redattore capo di Everyday Health Medical Patrice Harris, MD, discute di come le disparità all’interno dell’assistenza sanitaria. . .

Di Maureen Connolly, 12 novembre 2020

Fare la differenza: Patrice Harris, MD, mira a incorporare la salute mentale nell’assistenza sanitaria

Non c’è salute senza salute mentale, afferma il dottor Harris, nuovo redattore capo di Everyday Health.

Di Abby Ellin, 2 novembre 2020

Boxed nella stagione 2, episodio 3: “Perché la malattia di Lyme potrebbe offrire indizi su cosa sta succedendo con i veicoli a lungo raggio COVID-19”

Brian Fallon, MD, direttore del Center for Neuroinflammatory Disorders and Biobehavioral Medicine presso la Columbia University, discute l’impatto di. . .

Di Maureen Connolly, 2 novembre 2020

Boxed nella stagione 2, episodio 2: “COVID-19 Long Haulers and the Patient Support Movement”

Le sopravvissute al COVID-19 Fiona Lowenstein e Nikki Brueggeman condividono le loro esperienze di navigazione nel sistema sanitario durante la pandemia e come stavano. . .

Di Maureen Connolly, 21 ottobre 2020

Boxed nella stagione 2, episodio 1: “L’impatto psicologico della pandemia sui bambini”

Lo psicologo Dr. Andrew Solomon e la consulente scolastica Amanda Jo Bustamante riflettono sul vero pedaggio della salute mentale del COVID-19 sui bambini.  

Di Maureen Connolly, 15 ottobre 2020 “

Controllare lo stress, dormire a sufficienza e praticare altre sane abitudini può aiutare a ridurre il rischio di episodi bipolari. Kkgas / Stocksy

Il disturbo bipolare è una condizione di salute mentale che colpisce milioni di persone negli Stati Uniti. Secondo il National Institute of Mental Health (NIMH), si stima che il 4,4% degli adulti americani soffra di disturbo bipolare ad un certo punto. Il disturbo, che può causare cambiamenti estremi di umore, energia, livelli di attività e capacità di pensare chiaramente, può influenzare gli individui in modo diverso e la gravità e il tipo di sintomi possono variare da persona a persona.

Sebbene la causa esatta del disturbo bipolare sia sconosciuta, si ritiene che diversi fattori, come i geni, la struttura del cervello e la risposta e la gestione dello stress, potrebbero avere un ruolo nella frequenza con cui si verificano i sintomi, quanto diventano gravi e per quanto tempo durano , secondo la National Alliance on Mental Illness (NAMI). Alcuni fattori ambientali e dello stile di vita possono anche innescare o aggravare gli alti e bassi estremi, noti come episodi bipolari, che sono un segno distintivo della condizione. Una volta che sei a conoscenza di questi fattori scatenanti, puoi ottenere un controllo migliore sul tuo disturbo.

Tipi di episodi bipolari

La principale differenza tra il disturbo bipolare e condizioni come la depressione è la possibilità di sperimentare lo stato eccessivamente eccitato chiamato mania, afferma Amit Anand, MD, professore di medicina presso il Lerner College of Medicine, vicepresidente per la ricerca per il Center for Behavioral Health e il direttore del programma Mood and Emotional Disorders Across the Life Span, tutti presso la Cleveland Clinic in Ohio. Le persone maniacali sono insolitamente estroverse o felici. In alcuni casi, la mania causa anche intensa irritabilità e irrequietezza. Durante gli episodi depressivi, la tristezza intensa o la disperazione possono portare a stanchezza, difficoltà di concentrazione e pensieri suicidi.

Ma gli sbalzi d’umore bipolari non sono sempre estremi, osserva il dottor Anand. Ad esempio, alcune persone sperimentano una forma meno grave di mania, nota come ipomania. Coloro che sono ipomaniacali potrebbero non sentire nulla che non va, rendendo la diagnosi più difficile, aggiunge.

A complicare le cose è che è possibile sperimentare contemporaneamente mania e depressione, note come caratteristiche miste. Quando ciò accade, potresti sentirti eccessivamente eccitato ma essere estremamente irritato, triste, senza speranza o vuoto.

Comprensione e gestione dei trigger bipolari

Gli episodi bipolari possono essere innescati dallo stile di vita e da fattori ambientali. Riconoscere i fattori scatenanti ed evitarli, dice Anand, è spesso la chiave per gestire la condizione.

I fattori che possono peggiorare i sintomi bipolari o innescare un episodio includono:

Stress In molti casi, un importante cambiamento di vita o un evento stressante, come la perdita di una persona cara o avere problemi finanziari, può innescare un episodio iniziale. Il modo in cui affronti lo stress può anche influenzare il progresso del disturbo bipolare. Secondo una meta-analisi pubblicata nel gennaio 2017 sul Journal of Affective Disorders, le persone con disturbo bipolare che hanno avuto una ricaduta della loro condizione hanno riferito di aver vissuto eventi di vita più stressanti rispetto a coloro che erano in una fase dell’umore più stabile. I ricercatori hanno concluso che gli individui con disturbo bipolare tendono ad essere più “sensibili” ai fattori di stress, suggerendo che i trattamenti psicosociali sono una componente importante per gestire con successo la tua condizione. (I trattamenti psicosociali includono la psicoterapia, i gruppi di supporto e l’educazione sulla malattia per i propri cari in modo che possano aiutare con strategie di coping e individuare i segni di ricaduta, secondo NAMI.) Parto Il legame tra parto e disturbo bipolare è stato ben documentato in un numero di studi scientifici. Una revisione sistematica di nove articoli pubblicati nell’ottobre 2016 sulla rivista BMC Pregnancy and Childbirth ha rilevato che il rischio di episodi di disturbo dell’umore aumenta durante la gravidanza nel periodo postpartum nelle donne con disturbo bipolare. In uno degli studi inclusi nella revisione, i ricercatori hanno scoperto che quasi il 50% delle donne con disturbo bipolare ha sperimentato almeno un episodio dell’umore durante la gravidanza o entro 12 mesi dopo il parto. Vale anche la pena notare che sia gli uomini che le donne con disturbo bipolare possono essere scatenati dal parto. Sebbene ci sia una ricerca molto limitata che esamina l’effetto di un neonato sui padri, uno studio pubblicato nel maggio-giugno 2017 sull’American Journal of Lifestyle Medicine ha rilevato che le prove disponibili suggeriscono che i padri con disturbo bipolare possono avere un aumentato rischio di episodi ipomaniacali dopo il bambino è nato. Farmaco Il trattamento per il disturbo bipolare comprende farmaci, come stabilizzatori dell’umore, antipsicotici e antidepressivi, secondo NAMI. È interessante notare che alcuni antidepressivi, come il Prozac (fluoxetina) e Zoloft (sertralina), possono peggiorare i sintomi bipolari e forse anche innescare un episodio maniacale, dice Anand, aggiungendo che se hai disturbo bipolare, non dovresti prendere un antidepressivo senza prendere anche un stabilizzatore dell’umore o farmaci antipsicotici. Gli stimolanti usati per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) possono anche scatenare un episodio maniacale. Se hai più di una condizione (come disturbo ossessivo-compulsivo o ADHD) che viene trattata con farmaci, NAMI consiglia di sviluppare un piano di trattamento con il tuo medico per gestire al meglio entrambe le condizioni e monitorare i tuoi effetti collaterali. Cambiamenti stagionali Per alcune persone con disturbo bipolare, c’è un andamento stagionale degli episodi di umore. Anand dice che ci sono alcune prove che più manie si verificano durante i mesi primaverili ed estivi, mentre più episodi di depressione si verificano in autunno e in inverno. Ma alcune persone sperimentano il contrario. Secondo uno studio austriaco pubblicato nel gennaio 2019 sul Journal of Affective Disorders, che ha esaminato i dati su oltre 60.000 persone che sono state ricoverate in ospedale per un episodio maniacale, depressivo o misto tra il 2001 e il 2014, i modelli stagionali dei tassi di ospedalizzazione durante sono stati riscontrati episodi maniacali sia per uomini che per donne. (Le donne avevano maggiori probabilità di sperimentare episodi maniacali in estate e in autunno, episodi depressivi in ​​inverno e tratti misti in estate, mentre gli uomini avevano maggiori probabilità di sperimentare episodi maniacali in estate.) Anche le donne sotto i 35 anni avevano maggiori probabilità di avere questa stagione pattern in episodi maniacali e misti. Potrebbe esserci uno schema stagionale nei tuoi cambiamenti di umore a causa dei cambiamenti nel sonno, dell’intensità della luce solare e del numero di ore diurne, nonché dei cambiamenti nei livelli di melatonina. Monitorare attentamente i sintomi durante i cambiamenti stagionali può aiutarti a gestire il disturbo bipolare. Cattivo sonno La mancanza di sonno è un fattore scatenante frequente di episodi di disturbo dell’umore bipolare, secondo Anand. Un sonno scadente o un’interruzione dei normali schemi di sonno, incluso il jet lag, possono innescare questi intensi sbalzi d’umore. Ma ci sono prove che il trattamento psicologico può aiutare. In uno studio pubblicato nel giugno 2015 nel Journal of Consulting and Clinical Psychology, i ricercatori hanno trattato la metà dei 58 partecipanti allo studio che avevano disturbo bipolare e insonnia con una forma modificata bipolare specifica di terapia cognitivo comportamentale che prevedeva l’incorporazione di buone abitudini di sonno, rilassamento, e luci soffuse prima di coricarsi e ridurre l’ansia per il sonno nella routine quotidiana.

blog